the guardian

Come addestrare l’Intelligenza Artificiale per far votare a destra

Di |2024-02-05T10:24:13+01:0026 Gennaio , 2024|Articoli, News, Opinioni e analisi|

Uno studio realizzato da Originality AI, startup statunitense nel settore dell’IA che si occupa di studiare le problematiche connesse alla disinformazione e distorsione dei sistemi di IA (problematiche per cui realizza delle specifiche applicazioni di analisi e verifica dei testi) rivela come la stragrande maggioranza dei principali siti di notizie ha adottato misure restrittive nei confronti dei web crawler alimentati dall'intelligenza artificiale, come riportato su Wired, in un articolo del 24 gennaio scorso. Queste restrizioni coinvolgono testate giornalistiche di rilevanza generale come The New York Times, The Washington Post e The Guardian, nonché pubblicazioni specializzate come The Atlantic e piattaforme dedicate a interessi specifici come Bleacher Report.

SØØn – Newsletter n°6 del 17 novembre 2023

Di |2024-02-23T16:09:56+01:0017 Novembre , 2023|Riepiloghi|

Gli argomenti trattati questa settimana sono: - La Carta di Parigi sull'intelligenza artificiale e il giornalismo, lanciata il 10 novembre 2023,creata con l’intento di stabilire norme etiche e principi che i giornalisti e le redazioni di tutto il mondo possono adottare e applicare nel loro lavoro quotidiano con le tecnologie. - Festival sul giornalismo digitale “Glocal” - Analisi sul destino della scrittura nell'era dell'IA secondo la visione di alcuni autori. - La "superintelligenza" ricercata da OpenAI - Tools e strumenti di IA utile ai giornalisti per velocizzare e semplificare il lavoto - Analisi sulla crescita e le opportunità finanziarie dell'IA

Il Futuro della Scrittura nell’era dell’Intelligenza Artificiale

Di |2024-02-09T15:54:26+01:0017 Novembre , 2023|Opinioni e analisi|

Qual è il destino della scrittura nell'era dell'intelligenza artificiale, nell'era di ChatGPT? Il "The Guardian" ha messo a confronto le idee e gli spunti di alcuni tra gli scrittori più importanti del momento che hanno condiviso le loro riflessioni sull'ascesa di ChatGPT e dei modelli di linguaggio avanzati. Da una parte, coloro che vedono l'ascesa di tecnologie come ChatGPT una minaccia, preoccupati che la capacità delle macchine di generare testi possa oscurare l'unicità e il valore della creatività umana come Bernardine Evaristo. Dall'altra parte scrittori che abbracciano l'intelligenza artificiale come un'opportunità per espandere i confini della narrazione ed esplorare nuove forme creative come Stephen Marche.

SØØn – Newsletter n°5 del 10 novembre 2023

Di |2024-02-23T14:42:23+01:0010 Novembre , 2023|Riepiloghi|

Questa settimana parliamo di: MSN di Microsoft sostituisce gran parte dei suoi 800 editors del sito con l'IA creando molti problemi di disinformazione Midjourney lancia due novità significative nel campo della generazione di immagini basate sull’intelligenza artificiale News/Media Alliance (organizzazione no-profit che rappresenta più di 2.200 organizzazioni mediatiche di notizie e riviste) ha pubblicato un White Paper schierandosi apertamente contro le violazioni del Copyright nell’era dell’intelligenza artificiale OpenAI ha tenuto il suo primo Dev Day, con al centro dell’evento, le innovazioni legate a GPT-4 e ChatGPT Lo scorso 30 ottobre, il presidente Biden ha firmato l’ Executive Order che regolerà la creazione, l’utilizzo e la diffusione di modelli di intelligenza artificiale negli USA L’azienda cinese Ant Group, che gestisce il più grande sistema di pagamento mobile del paese, ha ricevuto il via libera governativo per la commercializzazione di prodotti basati sul suo modello linguistico d’intelligenza artificiale “Bailing”.

Quando l’Intelligenza Artificiale sostituisce i giornalisti

Di |2024-02-29T16:22:22+01:009 Novembre , 2023|Giornalismo e IA|

La credibilità informativa di MSN.com, la homepage di Microsoft e uno dei siti web più visitati globalmente, sono al centro di un acceso dibattito, come riportato dalla CNN in un ampio articolo sul suo sito. Recentemente la piattaforma è stata criticata per la pubblicazione di notizie false e distorte, risultato involontario del crescente affidamento dell'azienda all'intelligenza artificiale per la cura dei contenuti di notizie. Questo passaggio dall'editoria umana all'automazione ha visto la luce nel 2018, quando Microsoft impiegava oltre 800 redattori per selezionare le notizie per i suoi lettori. Con il procedere verso un ecosistema digitale più automatizzato, molti di questi redattori sono stati rimpiazzati dall'IA.

Torna in cima