Immagine realizzata con IA Dall-E e IA Midjourney

Con un report pubblicato il 10 dicembre 2021, la Goldman Sachs, una delle principali banche d’affari statunitensi, ha condiviso l’analisi del quadro economico degli investimenti che riguardano il Web 3.0 nel presente e nel prossimo futuro.

Il “Metaverso”, termine coniato da Neal Stephenson in Snow Crash (1992), libro di fantascienza cyberpunk, è una realtà virtuale condivisa tramite internet dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar. E’ divenuto realtà nel 2021, perché la Meta Platforms Inc. (ex Facebook) ha assunto diecimila persone, in Europa, per crearlo “concretamente”.

Nel frattempo, lo scorso 18 gennaio Microsoft ha annunciato l’acquisto di Activision Blizzard Inc, azienda leader nel settore dei videogiochi che ha un valore pari a 68.7 miliardi di dollari.

Lo dimostra anche la quotazione in borsa di Roblox, videogioco dove si crea il proprio avatar e il proprio mondo virtuale – che è quanto di più simile per ora esista rispetto alle intenzioni prospettate da Mark Zuckerberg – salita a oltre 38 miliardi di dollari nel marzo 2021 ma forse proprio per gli annunci di Meta e Microsoft, scesa ad oggi del circa 20%.

Nell’analisi della Goldman Sachs, Mark Zuckerberg vede il Metaverso come un successore di Internet mobile, il web 2.0, che:
1) Eleva le esperienze del mondo fisico. Attraverso la realtà mista, il Metaverso amplificherà la sensazione di presenza.  In futuro, Zuckerberg immagina un mondo in cui molti oggetti (ad es. TV, computer, ecc.) possono essere ologrammi progettati dai creatori e i consumatori potranno utilizzare gli occhiali AR per ottimizzare il mondo fisico e la realtà virtuale e per essere completamente immersi nel mondo virtuale.
(2) Viene co-creato e costruito responsabilmente. Simile a molte altre società statunitensi, Zuckerberg crede che molte entità lavoreranno insieme per costruire il Metaverso (imprese, creatori, responsabili politici, imprenditori, ecc.) con integrità, sicurezza, e, soprattutto, la privacy al centro della sua fondazione.

Più specificamente, Meta intende investire in:

  1. Infrastruttura del data center. Negli ultimi dieci anni, Meta ha investito circa 17 miliardi di dollari contro 14 data center negli Stati Uniti e 4,1 miliardi contro 4 data center a livello internazionale, per un importo di 21,3 miliardi. Il presidente di Meta per le infrastrutture e i data center, Tom Furlong, ha dichiarato di avere 48 edifici attivi e altri 47 edifici in costruzione, segnalando 70 ulteriori edifici nei prossimi anni.
  2. Ulteriori iterazioni di Prodotti VR e AR + Contenuti.  Facebook ha acquistato Oculus per circa $ 2 miliardi come prima incursione nei prodotti di realtà virtuale. Dal 2014 al 2016, Meta ha investito $ 250 milioni in contenuti VR e impegnato altri $ 250 milioni per finanziare progetti di contenuti futuri. Durante l’evento Connect 2017, il CEO Mark Zuckerberg ha commentato che prevede di investire oltre 3 miliardi di dollari nel prossimo decennio
    in prodotti VR. Da allora, Meta Platforms ha notevolmente accelerato i suoi investimenti, acquistando 6 studi di contenuti VR negli ultimi 2 anni.
  3. Assumere talenti. Al 31 marzo 2021 sono stati concentrati circa 10.000 dipendenti sulla costruzione degli sforzi di realtà aumentata e virtuale di Meta, che rappresentano quasi 1/6 della base di dipendenti di Meta. Durante l’ultima chiamata sugli utili, la direzione ha annunciato l’obiettivo di raddoppiare questo valore assumendo altri 10.000 dipendenti in Europa per il suo Segmento Facebook Reality Labs nei prossimi cinque anni.
  4. Responsabilità. Alla fine di settembre 2021, Meta ha annunciato l’intenzione di investire circa $ 50 milioni in diverse partnership globali nei prossimi due anni al fine di garantire che il Metaverso ed i prodotti correlati vengono sviluppati in modo responsabile. Ad oggi, Meta ha annunciato 18 partnership incentrate sull’assicurare la responsabilità in alcune aree chiave: opportunità economiche, privacy, sicurezza e integrità, equità e inclusione.
  5. Creatori di contenuti. Durante l’evento Connect 2021, Meta ha annunciato che farà creare un fondo di circa $ 150 milioni per aiutare a formare e sviluppare la prossima generazione di creatori.

I progressi tecnologici uniti all’adozione su larga scala dei canali dei social media hanno portato all’aumento della ricerca per immagini. 

Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito a questo evolversi con Google, Snap e Meta. Come previsione generale, la banca sostiene che avremo altri “20 anni nel Web 2.0” prima di passare al Web 3.0.